fbpx
skip to Main Content

Sonno e Adolescenti

Sonno E Adolescenti
Dati provenienti da tutto il mondo suggeriscono che gli adolescenti dormono troppo tardi e troppo poco.L’inizio del sonno per gli adolescenti diventa più tardivo con l’età (sia nei giorni feriali che nei fine settimana) un fenomeno che non si osserva in nessun altro decennio della vita.Questa possibilità di dormire limitata è particolarmente pronunciata nei paesi che implementano un inizio precoce della scuola (ad esempio, 7:30 negli Stati Uniti). L’aumento della durata del sonno nelle notti scolastiche si verifica quando l’orario di inizio della scuola è ritardato.In effetti, la quarantena associata alla pandemia di COVID-19 ha eliminato la necessità degli spostamenti mattutini e quindi ha fornito un’opportunità di dormire prolungata per gli adolescenti, che hanno mostrato di conseguenza una maggiore durata del sonno. Tuttavia, il ritorno all’apprendimento di persona è accompagnato da un ritorno al sonno limitato per gli adolescenti.La rapida cascata di eventi che influenzano in modo unico il sonno degli adolescenti inizia intorno all’inizio delle scuole superiori e della pubertà. Ciò coincide con un periodo di aumento del rischio di insorgenza di umore depresso e depressivo negli adolescenti.Circa il 2,6% degli adolescenti sperimenta un disturbo depressivo in un dato momento , con la frequenza cumulativa della depressione che sale al 20% entro la fine dell’adolescenza.L’esperienza della depressione in gioventù può avere impatti negativi a lungo termine, incluso un aumento del rischio di ulteriori episodi di depressione da adulto e lo sviluppo di altri disturbi della salute mentale.Sebbene si ritenesse che i problemi del sonno fossero un sintomo della depressione adolescenziale, prove emergenti suggeriscono che le difficoltà del sonno insorgono prima della depressione. In questa ricerca, gli autori descrivono come la combinazione di biologia del sonno adolescenziale e psicologia predisponga in modo univoco gli adolescenti a sviluppare la depressione.Vengono descritti molteplici percorsi e fattori che contribuiscono, tra cui un ritmo circadiano ritardato, una durata del sonno ridotta e una maggiore opportunità di pensieri negativi ripetitivi in ​​​​attesa di dormire.Viene adottati interventi sul sonno basati sull’evidenza, tra cui la terapia con luce intensa, la melatonina esogena e le tecniche di terapia cognitivo-comportamentale.Tali trattamenti sembra migliorino il sonno e alleviano i sintomi della depressione.
Back To Top